Alcuni cancro alla prostata stazioni

Tumore della prostata: novità in terapia

Come la moglie per massaggiare il marito della prostata

È situata davanti al retto, sotto la vescica e dietro la sinfisi pubica. Le misure medie normali della prostata sono di 40 mm in longitudinale 30 mm in trasversale e 25 in sagittale, con un peso che si aggira dai 15 ai 20 grammi. Questa suddivisione è importante perché le differenti zone hanno diversa incidenza delle varie patologie.

I tumori della prostata, infatti, nascono quasi esclusivamente dalla zona periferica, le ipertrofie prostatiche benigne dalla zona di transizione, mentre le prostatiti, possono essere localizzate sia in sede periuretrale sia in periferia.

La prostata è attraversata da tre canali maggiori, da un canalino centrale detto utricolo che dopo la nascita in alcuni casi si atrofizza e da molteplici canalicoli minori che sono in numero corrispondente a quello degli acini e si immettono direttamente nell'uretra senza confluire in dotti di maggior calibro.

Le vescicole seminali sono due strutture sacciformi, situate ai lati del tratto terminale del dotto deferente e ne costituiscono una specie di diverticolo a fondo cieco di esso. Esse concorrono alla produzione della parte liquida dello sperma. Epidemiologia ed eziologia Il carcinoma della prostata è la neoplasia più frequente oltre i 65 anni di età.

Dopo il carcinoma polmonare rappresenta la seconda causa di morte per cancro. I fattori genetici sono responsabili della familiarità con una diversa incidenza della malattia nelle diverse razze umane. Queste differenze suggeriscono un coinvolgimento di fattori di tipo ambientale nel determinismo della malattia. Purtroppo non sono ancora stati trovati alcuni cancro alla prostata stazioni di rischio certi.

Altri fattori implicati nella genesi del carcinoma sono: esposizione ai nitrati, al cadmio, al cromo, infezioni croniche della prostata e la vasectomia. Sintomatologia e diagnosi Il carcinoma prostatico non dà segni precoci; infatti oggi è diagnosticato maggiormente in pazienti del tutto asintomatici. Ematuria ed ematospermia sono rare. Con il suo impiego, il numero di casi di malattia diagnosticati in fase localizzata e asintomatica è in continua crescita; il dato è incoraggiante, ed esiste la concreta opportunità di trattare questi casi efficacemente.

Tuttavia, un alcuni cancro alla prostata stazioni ancora alto di pazienti si presenta con malattia localmente avanzata, anche con metastasi e senza sintomi clinici rilevanti. Importante è ricordare che livelli elevati sono riscontrabili anche nelle patologie ossee neoplasie, osteoporosi. Antigene prostatico specifico PSA : si tratta di un marker tumorale molto sensibile utile per diagnosi tumorale, prognosi, stadiazione, follow-up. Esso è il miglior marker tumorale sia per lo screening, che per il follow-up del carcinoma prostatico, tuttavia per la definizione della prognosi non si è dimostrato alcuni cancro alla prostata stazioni efficace della stadiazione e della classificazione tumorale.

È molto importante notare i cambiamenti di livello del PSA durante una terapia, giacché indicatore di efficacia della cura in corso. Stadiazione La classificazione in stadi del carcinoma prostatico, è alquanto complessa, e risente del lungo periodo nel quale solo i reperti operatori potevano comunicare informazioni esaurienti. Fra le numerose classificazioni che sono state applicate, sono riportate la classificazione TNM, le cui applicazioni vanno estendendosi, e la classificazione di Gleason.

Il alcuni cancro alla prostata stazioni è universalmente riconosciuto, e rimane lo strumento più utilizzato. La sua applicazione dovrebbe essere raccomandata allo scopo di confermare le alcuni cancro alla prostata stazioni scelte terapeutiche.

Abbiamo poi Il sistema Gleason per la determinazione del grado alcuni cancro alla prostata stazioni dell'adenocarcinoma della prostata. Esso tiene conto della diversa differenziazione dello stesso adenocarcinoma. Viene assegnato un punteggio da 1 per le aree meglio differenziate a 5 per quelle meno differenziatealle diverse aree della neoplasia in esame e poi si sommano i punteggi delle due aree più estese del campione.

Alla fine tumori con punteggio finale da 2 a 4 sono considerati ben differenziati, da 5 a 7 mediamente differenziati e da 8 a 10 scarsamente differenziati. Scelte terapeutiche Esistono varie scelte terapeutiche: la chirurgia, la radioterapia, la terapia alcuni cancro alla prostata stazioni ed infine la chemioterapia.

In assenza di controindicazioni, i pazienti con malattia limitata alla prostata, ma con aspettativa di vita superiore ai 10 anni dovrebbero essere trattati con chirurgia con intento radicale, prostatectomia radicaleper via retropubica con conservazione dello sfintere urinario e del fascio vascolonervoso, associata alla linfoadenectomia pelvica bilaterale o con radioterapia a fasci esterni o interstiziale. In genere è preferito il trattamento radioterapico. I trattamenti chirurgici o alcuni cancro alla prostata stazioni sono invariabilmente seguiti spesso da una ripresa della malattia.

La prostatectomia e la radioterapia a fasci esterni sono chiaramente forme efficaci di trattamento, con la finalità di guarire tumori limitati della prostata in pazienti adeguatamente selezionati. Confronti incrociati hanno dimostrato alcuni cancro alla prostata stazioni percentuali di sopravvivenza a 10 anni con entrambe le forme di trattamento.

Per la scelta del migliore trattamento per il singolo paziente, è la considerazione degli effetti collaterali di entrambe le metodiche. Una precedente resezione transuretrale aumenta il rischio di alcuni cancro alla prostata stazioni complicanze. Nelle categorie T1, T2 e T3 esso è generalmente limitato alla sola prostata e alle vescichette seminali; la dose totale non dovrebbe essere inferiore ai 70 Gy. Tutte queste informazioni concorrono al piano di trattamento personalizzato, al fine di rilasciare al volume bersaglio, la dose richiesta per il raggiungimento di un preciso scopo clinico.

In un sistema 3D per i piani di trattamento, alcuni cancro alla prostata stazioni differenza degli algoritmi bidimensionali, si perde la nozione di TC su cui avviene il calcolo, in quanto le differenti sezioni sono ricostruite su di una matrice di voxel, considerata nella sua interezza. Sulla DRR sono visualizzati e localizzati con la corretta prospettiva geometrica i bordi esterni del campo e la forma irregolare degli schermi sagomati eventualmente utilizzati, il perimetro delle strutture critiche e dei volumi bersagli.

Modalità radioterapiche La radioterapia della prostata prevede diverse modalità: 1. Radioterapia a fasci esterni 2. Brachiterapia 3. Convenzionale 2. Conformazionale 3. Adroterapia Noi ci occuperemo in questa trattazione della radioterapia conformazionale.

La radioterapia conformazionale è diventata uno strumento di verifica del rapporto tra dose totale e probabilità di controllo locale. Oggi si ritiene che dosi elevate siano efficaci per determinare un più elevato tasso di controllo locale, indipendentemente da altri fattori prognostici, quali alcuni cancro alla prostata stazioni PSA ed il Gleason.

Conclusioni: la radioterapia conformazionale si affianca del tutto alla chirurgia, come terapia del carcinoma prostatico. Cambia navigazione. Home Documenti Tesi di laurea Radioterapia conformazionale del cancro della prostata. Radioterapia conformazionale del alcuni cancro alla prostata stazioni della prostata.