Farmaci ormonali del cancro alla prostata

Terapia del tumore della prostata: ruolo della radioterapia

Stato danimo per il recupero della prostata

La terapia ormonale è la prima scelta nel trattamento di un carcinoma prostatico con metastasi, ma a volte è necessario fare affidamento anche su altri farmaci. Farmaci ormonali del cancro alla prostata si ha a che fare con un tumore della prostata il trattamento migliore dipende da diversi fattori anche molto differenti fra di loro, dalla velocità di crescita della massa tumorale agli effetti collaterali della terapia.

Quest'ultima rappresenta l'approccio preferenziale nel caso in cui il cancro abbia già formato delle metastasi. Infatti per crescere le cellule del tumore della prostata hanno bisogno di testosterone.

Piuttosto, per privare la massa tumorale di testosterone è possibile fare affidamento sulla chirurgia o sui farmaci. L'approccio chirurgico prevede la rimozione dei testicoli.

In questo modo la riduzione dei livelli di testosterone è più rapida, ma in realtà l'efficacia della terapia è simile a quella dei farmaci. Questi possono contenere agonisti o antagonisti dell'ormone GnRH — molecole che bloccano la cascata ormonale che porta alla sintesi del testosterone — oppure antiandrogeni — principi attivi che impedendo al testosterone di interagire con i recettori presenti sulle cellule tumorali non farmaci ormonali del cancro alla prostata all'ormone di stimolare la crescita del tumore.

A volte queste due tipologie di farmaci possono anche essere somministrate in combinazione. Inoltre nel caso del carcinoma prostatico con metastasi ossee è oggi possibile fare affidamento su un innovativo radiofarmaco, il radioche sfruttando le sue caratteristiche fisiche lega il calcio nelle aree di metastasi ossee e distrugge le cellule tumorali; il suo impiego permette di ridurre le dosi di radiazioni normalmente farmaci ormonali del cancro alla prostata per trattare le metastasi ossee e i possibili effetti collaterali della terapia.

Prostata, ecco i consigli di Sergio Bracarda, responsabile del Centro oncologico dell'Ospedale San Donato di Arezzo, per mantenerla in salute e per identificare precocemente eventuali patologie. Tempo di lettura: 4 minuti. Ok Annulla.