Il recupero di potenza dopo il cancro alla prostata

Tumore della Prostata

Pomodori per il cancro alla prostata

Altri siti AIRC. Cos'è il cancro. Guida ai tumori. Guida ai tumori pediatrici. Facciamo chiarezza. Cos'è la ricerca sul cancro. Prevenzione per tutti. Diagnosi precoce. Guida agli screening. Il fumo. Il sole. Salute femminile. Come affrontare la malattia. Guida agli esami. Guida alle terapie. Storie di speranza. Dopo la cura.

Organi di governo. Comitati regionali. La nostra storia. Come sosteniamo la ricerca. Cosa finanziamo.

Come diffondiamo l'informazione scientifica. Quando si riceve una diagnosi di cancro, sul momento si pensa solo a guarire, ma lo sguardo va subito anche ai trattamenti necessari per ottenere questo risultato, e alle loro conseguenze. Per questo motivo, e per la sede in cui si manifesta, la malattia coinvolge più di altri tumori la sfera emotiva e l'identità sessuale del paziente in una fase critica della sua esistenza.

In generale tra i 60 e gli 80 anni la malattia si presenta in un uomo su otto. Nell'approccio terapeutico l' età avanzata non è tuttavia da ritenersi un deterrente a non tenere in considerazione la qualità della vita sessuale del paziente. Da molto tempo ormai, infatti, il recupero di potenza dopo il cancro alla prostata sessualità dell'anziano non è più un tabù, e diverse indagini effettuate da esperti dimostrano che la maggioranza degli ultrasettantenni ha un'attività sessuale soddisfacente.

Le cose cambiano se il tumore è più esteso e coinvolge i linfonodi addominali. Si parla in questo caso di "eiaculazione retrograda": il liquido seminale cioè, non viene eiaculato all'esterno ma risospinto indietro nella vescica. Dopo tre mesi, infatti, con la chirurgia classica per l'asportazione della prostata circa quattro pazienti su dieci soffrono di incontinenza urinaria e dopo un anno il sintomo persiste in più di due casi su dieci.

Più frequente ancora è la perdita della capacità erettile: dopo tre mesi dall'asportazione del tumore, sono ben otto su dieci gli uomini che soffrono di impotenza, e sei su dieci continuano ad avere problemi anche dopo un anno.

Anche nei casi in cui l'attività sessuale riprende nonostante l'asportazione della ghiandola, alle sensazioni piacevoli legate all'orgasmo non il recupero di potenza dopo il cancro alla prostata assocerà il recupero di potenza dopo il cancro alla prostata una vera e propria eiaculazione, poiché il recupero di potenza dopo il cancro alla prostata state asportate la prostata e le vescicole seminali deputate a produrre il liquido spermatico.

Vi è talvolta l'eliminazione di liquido uretrale durante l'orgasmo. L'intervento chirurgico, invece, non altera il desiderio, che dipende da una condizione mentale e dalla presenza dell' ormone testosterone. L'intervento di prostatectomia, infine, rende impossibile la procreazione, ma questo di solito non è considerato un problema, vista l'età avanzata dei pazienti.

Queste ultime, pur non interferendo con la trasmissione nervosa, inibiscono la produzione di testosterone l'ormone maschile e quindi rendono difficoltosa l'erezione.

Il paziente inoltre manifesterà i sintomi dell'andropausa : perdita di massa ossea, difficoltà sessuali, perdita del il recupero di potenza dopo il cancro alla prostata, vampate di calore. L'impiego del robot Da Vinci permette al chirurgo di preservare le strutture nervose responsabili dell'erezione e permette, inoltre, di mantenere una buona continenza urinaria. Rispetto alla comune radioterapia, la brachiterapia offre, oltre al vantaggio della rapidità di intervento meno di 90 minutiuna sensibile riduzione del rischio di impotenza.

Entrambi i metodi non sono dolorosi, determinano una buona erezione riducendo il rischio di effetti collaterali, soprattutto cardiovascolari, di cui occorre tenere invece conto con l'uso dei farmaci per via orale. Si tratta di un cilindro trasparente in cui si inserisce il pene, intorno a cui crea una forma di vuoto, richiamando sangue nei corpi cavernosi. L'aspirazione dell'aria all'interno del dispositivo mediante una pompa, infatti, crea una diminuzione di pressione attorno al pene e un maggiore afflusso di sangue al suo interno.

In questo modo il pene si ingrossa e l'erezione viene mantenuta tramite un anello di gomma posizionato alla base del pene. Un metodo più radicale è la protesi peniena, che consiste nell'impianto di due componenti: l'una, all'interno dell'organo, è costituita da due cilindri dilatabili; l'altra, nello scroto, è una sorta di pompa che spinge un liquido all'interno dei due cilindri, inducendo l'erezione.

L'impianto si effettua in anestesia ed è permanente. Dopo una diagnosi di tumore che coinvolge la sfera sessuale molti uomini, infatti, vivono sentimenti di rabbia, rifiuto e autoaccusa che possono poi sfociare in ansia o depressione. Parlarne con qualcuno aiuta a confrontarsi con le proprie paure. È possibile chiedere colloqui di supporto psicologico e di psicoterapia individuale o di gruppo. Molto spesso il disturbo è peggiorato da fenomeni irritativi dovuti alla radioterapia locale: in questi casi basta aspettare che l'irritazione passi per recuperare la continenza.

Se invece il danno dipende dai nervi, è possibile ricorrere a tecniche di chirurgia plastica. La più semplice consiste in un'iniezione di collagene o di colloidi sintetici nell' uretrail canale che conduce l'urina dalla vescica verso l'esterno. In questo modo il calibro di questo tubicino si restringe, trattenendo l'urina. È un intervento molto semplice ma riesce purtroppo solo nella metà dei casi, per migrazione della sostanza iniettata. Di conseguenza spesso va ripetuto nel tempo.

Quelle che seguono sono alcune indicazioni proposte dalla Società americana di sessuologia per il recupero di potenza dopo il cancro alla prostata sulla propria vita di relazione prima, durante e dopo la malattia.

Rendiamo il cancro sempre più curabile. Informati sul cancro Cos'è il cancro Guida ai tumori Guida ai tumori pediatrici Facciamo il recupero di potenza dopo il cancro alla prostata Cos'è la ricerca sul cancro Glossario.

Affronta la malattia Come affrontare la malattia Guida agli esami Guida alle terapie Storie di speranza Dopo la cura. Cosa facciamo Come sosteniamo la ricerca Cosa finanziamo Come diffondiamo l'informazione scientifica. Traguardi raggiunti I bandi per i ricercatori. Gli effetti collaterali dei tumori maschili si possono curare, e in parte prevenire. News dal mondo Killer microscopici contro il cancro Leggi l'articolo.

News dal mondo Tumore della vescica nelle donne, il ruolo del fumo Leggi l'articolo. News dal mondo - 13 dicembre Medicina su internet: attenti alle fonti Leggi l'articolo.

Fondamentale ottobre Un approccio a tutto tondo per la migliore cura del seno Leggi l'articolo. Fondamentale gennaio La libertà e il diritto di sentirsi furiosi Leggi l'articolo. Fondamentale gennaio La chirurgia oncologica avanza nel silenzio Leggi l'articolo. Fondamentale dicembre Un percorso per gli ex piccoli pazienti Leggi l'articolo. Fondamentale ottobre Una babele di nomi per le armi anticancro Leggi l'articolo. Fondamentale giugno Domande e risposte - giugno Leggi l'articolo. Fondamentale gennaio Al centro la cura della persona, facendo ricerca Leggi l'articolo.

Non ci sono regole fisse per vivere il sesso. Partire dall'idea che il sesso non si limita al rapporto sessuale aiuterà a scoprire o riscoprire altre forme di relazione affettiva.

Riconoscere le esigenze di coppia. Cercare il dialogo e la complicità con la propria partner parlando reciprocamente di paure e desideri. Confrontare passato e presente. Com'era la sessualità prima del tumore? Era soddisfacente? La coppia parlava della propria relazione fisica e della sua qualità?

È cambiato qualcosa nella percezione del proprio corpo dopo la malattia? Un eventuale allontanamento dalla propria partner è imputabile solo alle difficoltà sessuali? Coltivare la relazione. Non concentrarsi esclusivamente sull'atto sessuale. Autori: Agenzia Zadig Data di pubblicazione: 2 marzo